26 Febbraio 2024
News
percorso: Home > News > ITALIA

Cgil e Uil in piazza in Calabria contro la manovra

01-12-2023 17:52 - ITALIA
Lo sciopero nazionale di Cgil e Uil ha fatto tappa in Calabria con manifestazioni a Catanzaro, Cosenza e Crotone.

"Ampia", secondo i sindacati, la partecipazione "per una protesta contro il governo e la sua manovra finanziaria che tocca in modo particolare il Mezzogiorno, ancora una volta messo da parte ed escluso da politiche di sviluppo e di crescita".
In piazza Prefettura a Catanzaro il segretario generale della Cgil Angelo Sposato ha detto che "la Calabria c'è e scende in piazza per dare voce a chi non ha voce, per esprimere un Sud che si sente abbandonato, che è scomparso dall'agenda politica, che non ce la fa ad arrivare a fine mese.

Un Sud che ha bisogno di politiche di sviluppo, di lavoro, di investimenti che diano risposta anche quei 15mila giovani l'anno che vanno via. È urgente sostenere il reddito delle famiglie, serve un grande piano per il lavoro e un'attenzione particolare alle infrastrutture. Dalla 106 e l'elettrificazione della Ionica, all'Alta Velocità per connettere la Calabria al resto del Paese".

"Oggi - ha detto a Cosenza il segretario confederale Cgil Pino Gesmundo - manifestano e scioperano i lavoratori e le lavoratrici del Mezzogiorno, una risposta a questo governo che, deve farsene una ragione, non può precettarci tutti.
Continueremo a essere nelle piazze e a manifestare contro queste scelte che non danno risposte, in particolare al Sud. Ma oltre il tema politico, di mezzo c'è la difesa della Costituzione messa in discussione perché antifascista. Capiamo che il Governo ha qualche problema con questo termine, ma questa è la Costituzione, antifascista, che valorizza la democrazia, la partecipazione, a partire dal diritto di sciopero fino alla possibilità di tenere un Paese unito contro il presidenzialismo, contro l'autonomia differenziata".

"È stata una bella manifestazione - ha detto a Reggio la segretaria nazionale Flc Cgil Gianna Fracassi - con tanti lavoratori e lavoratrici, pensionate e pensionate che non si arrendono ad una legge di bilancio sbagliata e ingiusta, all'autonomia differenziata che rischia di far arretrare il nostro Paese, oltre che il Sud e non si arrendono ad un'ingiustizia sociale alimentata da riforme sbagliate come quella fiscale".



Fonte: Ansa
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy
 obbligatorio
cookie