07 Ottobre 2022
News
percorso: Home > News > CURIOSITA'

Concorsi: 5.410 diplomati e laureati, tutti i dettagli

04-04-2022 11:28 - CURIOSITA'
Due bandi per le sedi del Ministero della Giustizia.

Sono stati pubblicati in Gazzetta ufficiale i due bandi di concorso 2022, previsti dal Pnrr, per 5.410 posti di lavoro presso le sedi del Ministero della Giustizia in tutta Italia, rivolti a diplomati e laureati.

La procedura concorsuale straordinaria, indetta dalla Commissione Interministeriale RIPAM su base distrettuale per titoli e prova scritta, è finalizzata all'assunzione a tempo determinato per la durata massima di 36 mesi, di personale amministrativo destinato agli uffici giudiziari.

Sarà possibile presentare la domanda di ammissione alla selezione pubblica entro il 28 aprile 2022.
I bandi prevedono l'assunzione, a tempo determinato per tre anni, di personale tecnico amministrativo non dirigenziale.

Sono dunque stati indetti:

- un concorso pubblico (clicca qui), per titoli ed esami, su base distrettuale, per il reclutamento a tempo determinato di 750 unità di personale non dirigenziale dell'Area funzionale seconda, Fascia economica F2, e di 3.000 unità di personale non dirigenziale dell'Area funzionale seconda, Fascia economica F1, da inquadrare tra il personale del Ministero della giustizia;

- un concorso pubblico (clicca qui), per titoli ed esami, su base distrettuale, per il reclutamento a tempo determinato di 1.660 unità di personale non dirigenziale dell'Area funzionale terza, Fascia economica F1, da inquadrare tra il personale del Ministero della giustizia.

Per ciascuno dei concorsi il 30% dei posti è riservato ai volontari in ferma breve e ferma prefissata delle Forze armate. La percentuale è computata sui posti previsti per ogni singolo distretto.

Le figure tecniche richieste riguardano laureati e diplomati in varie discipline.
Nello specifico, si procederà all'assunzione di:

180 tecnici IT senior;
200 tecnici di contabilità senior;
150 tecnici di edilizia senior;
40 tecnici statistici;
1.060 tecnici di amministrazione;
30 analisti di organizzazione;
280 tecnici IT diplomati;
400 tecnici di contabilità junior;
70 tecnici di edilizia junior;
3.000 operatori data entry.

I candidati possono presentare domanda per uno solo dei profili (per ogni specifico concorso) e, nel profilo scelto, per uno solo dei codici di concorso indicati sui bandi.

I vincitori dei concorsi saranno inseriti presso sedi in tutta Italia, tra cui la sede della Corte di cassazione (Roma) e le sedi dei Distretti delle Corti di Appello presenti nelle diverse regioni italiane. I candidati potranno scegliere in fase di presentazione di domanda la sede di lavoro indicando il distretto di interesse.

I Banid (clicca qui), frutto di un'intensa e proficua collaborazione tra Ministero della Giustizia e Ministero per la Pubblica amministrazione, costituiscono un ulteriore tassello previsto dal Pnrr, diretto ad offrire risorse indispensabili per proseguire l'opera di abbattimento dell'arretrato e delle pendenze e per dare supporto qualificato alle altre linee di progetto sul fronte digitalizzazione ed edilizia giudiziaria.

I candidati ai concorsi per le assunzioni al Ministero della Giustizia Pnrr dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti:

- cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di altro Stato membro dell'Unione europea. Sono ammessi altresì i familiari di cittadini italiani o di un altro Stato membro dell'Unione europea, che non abbiano la cittadinanza di uno Stato membro, ma in possesso dei requisiti indicati sui bandi;
- possesso di diploma o laurea in base al profilo professionale per il quale si concorre;
- età non inferiore a diciotto anni;
- idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce. Tale requisito sarà accertato prima dell'assunzione all'impiego;
- qualità morali e di condotta di cui all'art. 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
- godimento dei diritti civili e politici;
- inclusione nell'elettorato politico attivo;
- non essere stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, né essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
- non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l'interdizione dai pubblici uffici;
- per i candidati di sesso maschile, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana.

I concorsi del Ministero della Giustizia per 5410 posti complessivi avverranno in due fasi:

valutazione dei titoli (massimo 15 punti in totale);
una prova d'esame scritta (massimo 30 punti in totale) riservata a un numero massimo di candidati pari a 20 volte il numero dei posti a concorso per ciascun profilo e per ciascun codice di concorso.

Il candidato dovrà inviare la domanda di ammissione al concorso esclusivamente per via telematica, mediante la piattaforma StepOne. La registrazione, la compilazione e l'invio online della domanda devono essere completati entro il termine perentorio delle ore 14:00 del 28 aprile 2022.


Fonte: Redazione

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio

cookie