07 Ottobre 2022
News
percorso: Home > News > Calabria

Crotone: la precisazione della consigliera Passalacqua

30-03-2022 16:08 - Calabria
Sono sempre disponibile nei confronti degli organi di stampa, in ogni occasione, anche per cercare di dare le giuste informazioni ai cittadini sia sul mio operato di consigliera comunale sia come presidente della III Commissione Consiliare che mi onoro di presiedere e, naturalmente, dei suoi componenti.
Anche quando lo stesso è oggetto di fantasiose ricostruzioni delle quali fatichiamo anche a comprendere il nesso logico, perché la lettura delle stesse risulta una sorta di matassa ingarbugliate con i concetti che più che fluire assomigliano ad uno di quei vecchi negozi di bric a brac, dove gli oggetti erano riposti sullo scaffale un po' a caso.
Ad ogni modo cercando di rispondere a chi chiede, in un suo articolo, risposte un po' a chiunque, la Commissione che presiedo ha, nel corso dei suoi lavori, interloquito con numerosi esponenti del mondo associativo, della sanità, del terzo settore.
Il nostro articolista potrà trovare le risultanze di tali incontri sia dai verbali della commissione stessa che delle comunicazioni che sono state fatte ai media.
Incontri che hanno prodotto anche iniziative che, mi permetto di dissentire dall'articolista, hanno la loro dignità; così come hanno decoro e dignità gli interlocutori della nostra commissione.
Tutte persone le cui meritorie attività e il proprio impegno civile non possono essere messe in discussione.
Detto questo, la Commissione come giusto che sia, proprio per il rispetto che viene anche invocato dall'articolista, ascolta tutti, senza giudizio né pregiudizio
Nello specifico, in una delle prossime commissione incontreremo l'avvocato Cerrelli, così elegantemente descritto dall'articolista, nella qualità di professore di Diritto di Famiglia presso l'Istituto di Criminologia di Vibo Valentia.
Ascoltare più voci non significa essere più o meno d'accordo con esse.
Significa avere più opinioni su argomenti che comunque sono importanti per la comunità cittadina, come lo è, ad esempio, il contesto familiare.
Si potrà essere d'accordo o meno con le tesi che potranno essere esposte, questo è un altro discorso, ma la porta non si chiude in faccia a nessuno.

Le opinioni si formano ascoltando tutti anche coloro con i quali possiamo non essere d'accordo. Diversamente suonerebbe come un pregiudizio precostituito.
Farsi una opinione, o meglio proporla attraverso un articolo, prima che qualcosa avvenga, questo si che suona come un pregiudizio.
Un'ultima riflessione: tutti i componenti della commissione, che siano di maggioranza o di opposizione hanno pari dignità nella mia come in tutte le commissioni consiliari permanenti.
Non si convocano le commissioni per accontentare qualcuno ma per dare modo a tutti di poter esprimere la propria opinione e poi fare sintesi.
E non si scelgono argomenti più o meno graditi. Si discute degli argomenti che interessano la gente.
Si può anche minimizzare sugli stessi, utilizzando anche un linguaggio che certamente non appartiene a chi scrive, potranno anche non interessare allo stesso articolista, ma non consentiamo di mettere in discussione l'onestà intellettuale dei singoli componenti della commissione né di chi la presiede.

Antonella Passalacqua
Presidente III Commissione Consiliare
Politiche Sociali


Fonte: Redazione

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio

cookie