25 Giugno 2022
News
percorso: Home > News > ATTUALITA'

Inquinamento del mare, PD contro Occhiuto: chiarisca su Dhorn

01-06-2022 15:52 - ATTUALITA'

Il gruppo dem in Consiglio attacca il governatore sul caso Dhorn.

«La questione sollevata dalla Cgil Calabria e relativa all’affidamento, per oltre un milione di euro, alla stazione zoologica Dhorn della verifica sulla balneabilità di alcuni tratti della costa calabrese, merita la massima attenzione». I consiglieri regionali del Pd Domenico Bevacqua, Ernesto Alecci, Franco Iacucci, Nicola Irto e Raffaele Mammoliti, chiedono al governatore Roberto Occhiuto immediati chiarimenti su una vicenda che appare del tutto singolare.
«Lungi da noi mettere in discussione le professionalità, le competenze presenti e riconosciute all’interno della stazione zoologica Dhorne – affermano ancora – ma ci pare strano che tali prestazioni invece di essere aggiuntive alle competenze presenti in Arpacal, vadano a cancellarle o a ridimensionarle nella migliore delle ipotesi».
«Bene ha fatto dunque la Funzione Pubblica della Cgil – dicono ancora i consiglieri del gruppo Pd di Palazzo Campanella – a porre con forza il problema che come gruppo rilanceremo in Consiglio regionale chiedendo al presidente Occhiuto di rendere un’immediata informativa».
«L’Arpacal ha le competenze necessarie – concludono i consiglieri regionali del Pd – per effettuare al meglio le verifiche necessarie grazie ai professionisti che operano al suo interno e anche grazie ai data base in suo possesso che consentirebbero confronti e valutazioni immediate. Ricorrere a professionisti esterni dunque, oltre a provocare un esborso ingiustificato per le casse regionali è incomprensibile, nonché non funzionale allo stesso obiettivo che si vuole raggiungere».



Fonte: Redazione - riceviamo e pubblichiamo

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio

cookie