02 Dicembre 2022
News
percorso: Home > News > Cronaca

Ndrangheta: traffico internazionale di droga, 24 arresti

27-10-2022 16:49 - Cronaca
Operazione Dda Reggio Calabria e Gdf contro cosca Bellocco.

La cocaina partiva dal Brasile, veniva stoccata in Svizzera e poi trasportata in Lombardia per essere ceduta ai grossisti tra i quali figura un soggetto albanese di particolare rilievo criminale.
È scattata stamani un'operazione della Guardia di finanza che, con il coordinamento della Dda di Reggio Calabria, ha stroncato un traffico internazionale di droga.

Su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, il gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare per 24 persone nelle province di Reggio, Catania, Messina, Vibo Valentia, Salerno, Milano e Pavia: 15 sono finite in carcere e 9 ai domiciliari.
Il blitz è il seguito dell'operazione "Magma", eseguita sempre dal Gico del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria e dallo Scico, che nel 2019 aveva portato a 45 arresti e a destrutturare la cosca Bellocco di Rosarno.

L'inchiesta di oggi ha confermato la forza e la capillarità, sia nazionale che internazionale, dei narcos calabresi, che continuano a porsi quali interlocutori privilegiati con le più qualificate organizzazioni mondiali. Questo grazie alla disponibilità di ingenti capitali di provenienza illecita e alla spiccata capacità di gestione dei diversi segmenti e snodi del traffico che hanno permesso ai Bellocco di consolidare un ruolo rilevante nel narcotraffico internazionale. La cosca di Rosarno, infatti, secondo l'accusa, si sarebbe servita di preferenziali e collaudati canali di approvvigionamento esteri. Gli uomini del col. Mauro Silvari, comandante del Nucleo di Polizia economico finanziaria di Reggio, hanno ricostruito i contatti con le organizzazioni che avevano le basi operative in Albania e Brasile. Dal Sudamerica era arrivato in Calabria un esponente dei narcos per incontrare un esponente dei Bellocco e risolvere problematiche legate al pagamento di una partita di cocaina.

L'inchiesta avrebbe consentito di scoprire come la cosca producesse in proprio ingenti quantitativi di cannabis curandone poi la lavorazione. Nei mesi scorsi sono state sequestrate 1227 piante di cannabis e 74 chili di droga e due soggetti sono stati arrestati. Le piazze di spaccio siciliane venivano rifornite di droga attraverso appositi corrieri.


Fonte: Redazione

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio

cookie