14 Aprile 2024
News
percorso: Home > News > Calabria

Pnrr: sindacati, fare concorsi per Comuni, a rischio fondi

26-02-2023 10:54 - Calabria
Sposato, Russo e Biondo lo chiederanno lunedì a ministro PA.
"Su invito del presidente della Giunta regionale, Roberto Occhiuto, che ringraziamo per l'attenzione verso le organizzazioni dei lavoratori, lunedì 27 febbraio parteciperemo all'incontro con il Ministro della Pubblica amministrazione Paolo Zangrillo, che sarà in Calabria".

Lo affermano, in una nota unitaria, i segretari generali della Calabria di Cgil, Cisl e Uil, Angelo Sposato, Tonino Russo e Santo Biondo.

"Al Ministro - proseguono - chiederemo un'accelerazione delle procedure concorsuali per le assunzioni nella Pubblica amministrazione, considerata l'emergenza costituita dalla gestione dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Si tratta, infatti, di un'opportunità irripetibile per la nostra regione e non ci si può permettere di mancare il bersaglio.
Lanciamo, inoltre, e lo ribadiremo lunedì con il ministro Zangrillo, un appello a quei Comuni che hanno in itinere procedure concorsuali perché anche questi percorsi siano accelerati il più possibile. Si registra, infatti, troppa lentezza e troppo personale viene utilizzato in forma precaria.

Considerata la cronica carenza nell'organico della P.A. e l'età avanzata di chi vi presta servizio (su tutto il territorio nazionale oltre 430 mila dipendenti hanno superato 62 anni), occorre andare avanti speditamente nell'arruolare personale a tempo indeterminato. Ed è giusto che nelle procedure concorsuali siano agevolati quanti, avendo i titoli richiesti, già operano all'interno della P.A. in diverse forme di precariato e spesso con vere modalità di sfruttamento".

"Conosciamo la posizione del Ministro Zangrillo - dicono ancora i segretari di Cgil, Cisl e Uil - sulla necessità di elevare gli stipendi dei dipendenti pubblici, ma nell'incontro di lunedì evidenzieremo che qui in Calabria siamo ancora più indietro rispetto a questo problema: i giovani studiano con enormi sacrifici familiari per poi avventurarsi in estenuanti percorsi di precariato. Tutto questo non è ammissibile e non trova giustificazione alcuna. Sono questi i temi che porremo all'attenzione del Ministro, sottolineando le specificità della situazione della Calabria, dove è urgente fare presto per favorire processi di crescita e arginare fenomeni dolorosi e disastrosi come la fuga dei giovani da questa terra".



Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy
 obbligatorio
cookie